>> giovedì 31 dicembre 2009

Due cuccioli di volpe si divertono a giocare in mezzo alla neve in un giardino ad Edimburgo...

Read more...

>> martedì 29 dicembre 2009

RobertBurns_Ft-1.jpg picture by mariabei

Grande, grandissimo poeta scozzese, ed anche il più amato tanto da festeggiare l'anniversario della sua nascita ogni anno con cene dedicate a lui ormai in ogni angolo del mondo, soprattutto nei paesi di cultura anglossasone.
Di umili origini, e nonostante una vita non facile, trovò l’ispirazione per creare opere immortali piene di amore, di passione,umorismo e drammaticità.

Scrisse i suoi versi in Scots, arcaica lingua scozzese ancora vivo nelle manifestazioni tradizionali, e molti termini vengono ancora utilizzati (soprattutto tra scozzesi) nella vita di tutti i giorni...

In tutta la Scozia troverete foto e monumenti che lo ricordano

Di lui è stato scritto :

Nel Grande Dizionario Enciclopedico della UTET :

Non v’è poeta in cui passione e semplicità si siano fuse in modo così perfetto

La sua poesia innalza un contenuto popolare a pura sostanza poetica...

...ed un dialetto ad alta dignità di lingua letteraria”.


Nell' Enciclopedia Britannica:

“tutta la Scozia è nei suoi versi. Chi vuole, le dia le sue leggi, Burns le ha dato le sue canzoni, … con le quali le fanciulle vengono corteggiate e le mamme addormentano i loro piccoli…”.

Una delle canzone più famose del mondo, cantata in molte occasioni in Scozia ed in molti altri paesi del mondo soprattutto a Capodanno è sua : "Auld Lang Syne", ossia Vecchi Tempi Andati.

Brig o'Doon, Bridge over the Doon River, Alloway
the-auld-kirk-alloway-153340-2.jpg picture by mariabei

Qui sotto c'è un video molto carino


Se visitate la zona sud-ovest della Scozia, andate ad Alloway, *Ayr (ved. anche sotto), la deliziosa cittadina dove il 25 gennaio 1759 nacque Burns. Potete ammirare la sua casa tinteggiata di bianco col tetto di paglia, il museo, il ponticello sul Doon, la chiesa di Alloway, che egli ricorda in un celebre poema intitolato “Tam o’ Shanter”, che racconta di un fattore che non ascolta mai la moglie quando gli raccomanda di rientrare presto la sera invece di ubriacarsi insieme agli amici ogni qualvolta si reca al mercato, e della brutta avventura che gli capita una notte a causa di questo...

image008-1.jpg picture by mariabei
Tam o' Shanter
Inizia così :

Quando i venditori ambulanti lascian la strada e i vicini assetati s'incontrano con i vicini, allor che il giorno di mercato volge al termine e la gente comincia ad andarsene, mentre sediamo a tracannar la birra e a prender la sbornia, oltremodo felici, noi non pensiamo alle lunghe miglia della Scozia, alle paludi, ai fiumi, alle barriere e alle siepi, che ci separano dalla nostra casa, dove ci aspetta la moglie arcigna ed imbronciata aggrottando le ciglia come tempesta che si avvicini e carezzando la sua collera per tenerla calda.

La verità di tutto questo riconobbe il buon Tam o' Shanter allor ch'una notte trottava sulla via di ritorno da Ayr, (la vecchia Ayr, che nessuna città supera per uomini onesti e belle ragazze)...

O Tam! Se almeno tu fossi stato così saggio da seguire i consigli di Kate, tua moglie! Ben te lo diceva ch'eri un chiassone, un chiacchierone, un fanfarone, un ubriacone; che dal novembre fino all'ottobre non eri sobrio neanche un sol giorno di mercato, che ogni volta che portavi del grano a macinare, col mugnaio restavi fin ch'avevi quattrini; che ogni cavallo che menavi a ferrare, col maniscalco ti prendevi una bella sbornia; che nella casa del Signore anche di domenica insieme con Kirkton Jean bevevi fino al lunedì. Ella profetizzò che presto o tardi t'avrebbero trovato in fondo al Doon; o che t'avrebbero afferrato le streghe nel buio presso la vecchia chiesa di Alloway, da spiriti frequentata.

Ah, dame gentili! Mi vien da piangere se penso quanti dolci consigli, quanti lunghi e saggi avvertimenti il marito sprezza in bocca alla moglie! (tutto il poema
Qui)...

Pub Tam O'Shanter

Se avete deciso di visitare Ayr, non può mancare una capatina al pub Tam O'Shanter (foto sopra) per una buona birra o magari andate a mangiare qualcosa all'omonimo ristorante a fianco in cui potete assaggiare il piatto tipico scozzese : Haggis, Tatties and Neeps che gli scozzesi di tutto il mondo mangiano per celebrare la Burns’ Night. Neeps è un purè di rape, Tatties, un purè di patate e poi l'haggis (ma questo lo dovete scoprire da soli)...

Un'altra delle sue poesie più famose è quella dedicata ad un topino campagnolo, a cui aveva distrutto il nido con l'aratro (Burns era figlio di un fattore). E' uscito perfino un francobollo

Robert Burns ~ 'To a Mouse'
A un Topo

Piccola bestia liscia, rannicchiata, paurosa,
Che panico nel tuo petto!
Non c’è bisogno che tu schizzi via così rapida,
Con precipitosa fuga!
Mi ripugnerebbe rincorrerti
Con vanga omicida!

Io sono davvero dolente che il dominio dell’Uomo
Abbia spezzato l’unione sociale della Natura
E giustifichi questa cattiva opinione
Che ti fa trasalire
Davanti a me, tuo povero compagno nato dalla terra,
E come te mortale!

Non c’è dubbio che talvolta tu rubi:
E allora? Povera bestia, tu devi vivere!
Una spiga di grano in un covone
E’ una piccola richiesta:
Avrò col resto una benedizione,
E mai mi mancherà!

E poi, la tua piccola casa in rovina!
I venti vanno sparpagliando le sue povere pareti!
E non ce n’è, adesso, per farne una nuova,
Di erba verde!
E i venti del triste dicembre sopraggiungono,
Sia mordenti che pungenti!

Tu vedevi i campi spogli e desolati,
E il noioso inverno avvicinarsi,
E qui, al calduccio, riparato dal soffio dei venti,
Tu pensavi di restare,
Finché, crac! crudele il vomero non è passato
Attraverso la tua cella!

Quel mucchietto di foglie e di stoppie
Ti era costato tanto affaticati rosicchiare!
Ora, in cambio della tua fatica, sei cacciato fuori,
Senza casa né riparo!
A sopportare il nevischio e il gocciolio dell’inverno,
e la gelida brina!

Ma, topolino, non sei il solo
A provare che la previdenza può essere vana:
I piani più accurati dei Topi e degli Uomini
Vanno spesso storti,
E non ci lasciano che dolore e pena,
Invece della gioia promessa!

Tu sei ancora fortunato, in confronto a me!
Soltanto il presente ti tocca:
Ma, ahimé! io volgo lo sguardo indietro,
Su un panorama desolato!
E avanti, benché io non possa vedere,
Sospetto e temo.

Robert Burns

*Ayr : Qui per un blog in italiano sulla cittadina di Ayr

Read more...

>> lunedì 28 dicembre 2009

Yippee!! Haggis Crisps

Haggis_And_Cracked_Black_Pepper-1.jpg picture by mariabei
patatine al gusto di Haggis

Mackie's, meglio conosciuto come produttore di ottimo gelato scozzese, geniuino, e prodotto da latte proveniente da mucche free range, ossia allevate al pascolo...

Dicevo... Mackie's si è dato alle patatine, e che patatine... rigorosamente fatte da patate scozzesi coltivate nel Perthshire e senza aggiunte di conservanti, e accanto ai tanti gusti classici, c'è anche quello al haggis... avete presente quegli animaletti scozzesi che vivono in montagna, a cui è permesso dare la caccia solo per un limitatissimo periodo dell'anno, giusto in tempo per la cena di *Burns ( Burns Supper), il 25 Gennaio, che è appunto a base di Haggis. Mi raccomando non ci credete a chi vi dice che è semplicemente le interiora della pecora... tutta invidia!!
Speriamo si possono ordinare on line...

*Robert Burns : Grande poeta scozzese

Read more...

>> domenica 27 dicembre 2009

Snowy Edinburgh

Edimburgo è così bello con la neve che non ho resistito a mettere qualche foto scattata da chi ha la fortuna di trovarsi lì in questo periodo natalizio ...

Il Castello imbiancato

Sembra di stare in campagna... invece sono gli alberi di Princes Street Gardens (Giardini di Princes Street) in pieno centro, addobbati con luci bianche. Chi ha scattato la foto ha detto che sembravano scheletri che danzavano...

EdinburghSkyline-1.jpg picture by mariabei

Una foto scattata da Princes Street guardando verso l'Old Town
Qui per l'ingrandimento


4208535322_10392709e8-1.jpg picture by mariabei

Sculpture-1.jpg picture by mariabei

Questa è stupenda...guardatela ingrandita Qui

Questa statua si chiama The Genius of Architecture e si trova nei West Princes Street Gardens, sempre in pieno centro. Vediamo una donna incoronata e due bambini che indossano il kilt ai suoi piedi. Un bimbo tiene in mano una pergamena e l'altro sta applicando della malta ad un pilastro con una spatola. Rappresenta l'incoronamento della teoria e la pratica dell'arte.
Scolpita nel 1862 da William Brodie 1815- 1881, e inaugurata nel 1891, dieci anni dopo la morte dell'artista.
Sullo sfondo c'è Edinburgh Castle

Read more...

>> venerdì 25 dicembre 2009



Read more...

>> martedì 22 dicembre 2009

Ecco un altro bel video del Capodanno di Edimburgo, con alcuni dei gruppi e cantanti che vi parteciperanno


Qui per il video più grande
e Qui per il Post su Capodanno

Read more...

>> giovedì 17 dicembre 2009

Visitare Cramond Island (a piedi durante la bassa marea)

I colori dell'isola

Sull'isola guardando verso la terraferma con la bassa marea
Cliccare per l'ingrandimento

Con l'alta marea
Cliccare per un'immagine più grande

Cramond Island è un'isola nei pressi di Edimburgo, e può essere raggiunta a piedi dal villaggio di Cramond durante la bassa marea.
C'e un passaggio lungo un miglio che si può percorrere durante un lasso di tempo che va dalle 2 ore prima della bassa marea alle 2 ore dopo la bassa marea... per es. se la bassa marea è alle 14:00 si deve raggiungere, visitare l'isola e tornare indietro tra le 12:00 e le 16:00, ricordandosi del tempo impiegato per percorrere il miglio all'andata... A più di qualcuno è capitato di calcolare male i tempi e di rimanare bloccato sull'isola!!
Comunque ogni tanto vengono organizzati anche dei concerti punk, perciò c'è gente che va a proposito a trascorrere tutta la notte lì.
L'isola un tempo era abitata, gli ultimi abitanti la lasciarono nel 1930.

Per gli orari di alta e bassa marea, clicca Qui

Clicca Qui per la mappa :


Una parte della strada d'accesso è costeggiata da pilastri di cemento che venivano utilizzati durante la Seconda Guerra Mondiale come difesa.

Il cielo sopra Cramond Island
Cliccare per un'immagine più grande

Il passaggio che porta all'isola
Cliccare per l'ingrandimento

Read more...

>> martedì 1 dicembre 2009

Foto che mi colpiscono...


Una foto scattata ad Edimburgo ieri sera, 30 Novembre, con il castello illuminato di blu in occasione del Saint Andrew's Day (Festa di S.Andrea), santo patrono della Scozia.

Read more...

Cosa non vi dovete perdere della Scozia...


Le Highlands ed il viaggio in macchina verso il nord...


Lasciare indietro le città , i negozi, le macchine... incontrare sempre meno persone e sempre più pecore.


Riempirsi gli occhi di montagne, di brughiere ricoperte di erica, di paesaggi selvaggi e incontaminati, scoprire scogliere a picco sul mare e spiagge bianchissime che ti si aprono all'improvviso davanti... e dove gli unici suoni sono lo stridio dei gabbiani, del vento e del mare.


E ancora pecore che, nel deserto delle brughiere, si confondono con i sassi e i sassi con le pecore, e le Highland Cattle, ossia le mucche scozzesi, dal pelo rosso e col ciuffo ribelle sugli occhi.


Poi gli Scozzesi che ti sorridono e ti salutano, orgogliosi di essere scozzesi, ma dal profondo... senza ostentazioni di alcun tipo...

Fare qualche tragitto a nord in quelle strade ad una corsia dove ci sono le passing places : le piazzuole di sosta, dove tutti, sia chi si ferma che chi passa, sorride e saluta... ci si trova a salutare più estranei quassù in pochi giorni che in un anno intero in città ...

Clicca per l'ingrandimento

La magia dei colori del cielo ; le nuvole azzurre, rosa, grigie che si rincorrono ; il sole che non tramonta mai... la nebbia affascinante e misteriosa, che cala avvolgendo tutto e, rapidamente come per incanto scompare... e naturalmente l'immancabile pioggerellina scozzese.

Esplorare i luoghi che parlano di storia e di leggende... scrutare le calme acque di Loch Ness sperando di scorgere Nessie... camminare scalzi in mezzo alle colline tondeggianti dove dimorano fate ed elfi... e dormire se avete il coraggio in uno degli innumerevoli castelli abitati da fantasmi.


Le Highlands Scozzesi... una terra selvaggia, affascinante, misteriosa... che si fa subito amare e non ti molla più

Read more...

Il Tempo ora ad Edimburgo...

  © Blogger templates Palm by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP