L'Handfasting... Seconda parte

>> venerdì 4 febbraio 2011

Ma quali sono le origini dell'handfasting... (Seconda parte)


Torniamo indietro di 800 anni...

L'handfasting nel 1200 consisteva in una cerimonia di fidanzamento cristiano (secondo le leggi del diritto canonico), riconosciuto sia dalla Chiesa che dallo Stato. Il rito, di natura celtica, era molto simile a quello di un matrimonio, con tanto di testimoni, contratto ecc. tranne che le promesse scambiate venivano espresse al futuro... es. prenderò te come mia sposa...
Se invece fossero state pronunciate al presente... prendo te... sarebbe stata una vera e propria cerimonia nuziale, e la coppia si sarebbe sposata anziché fidanzata!


Ma bisogna aggiungere che non c'cera nessun obbligo di cerimonia vera e propria, i due ragazzi potevano anche decidere di fidanzarsi senza nè rito nè partecipanti... da soli... e bastava la loro parola per rendere ufficiale il loro fidanzamento!

Nel 1200 non c'era ancora l'usanza di legare le mani... handfasting stava ad indicare una stretta di mano. Infatti nel medioevo scozzese, gli accordi si prendevano dandosi la mano... un gesto che valeva più di una firma!

Normalmente il periodo di fidanzamento durava un anno e un giorno, finito il quale i 2 fidanzati potevano decidere se sposarsi oppure no.

Ma se durante questo periodo, il fidanzamento venisse "consumato", i due ragazzi a quel punto erano considerati già "sposati", senza bisogno di un ulteriore cerimonia nuziale!

Altrimenti si faceva una cerimonia molto simile a quella di fidanzamento, dove le promesse venivano scambiate al presente.


E come per il fidanzamento, la coppia poteva decidere di sposarsi senza nè prete, nè testimoni... da soli in un bosco con gli scoiattoli come unici invitati, e anche così, il rito veniva considerato legale. La Chiesa, comunque, preferiva che il matrimonio venisse celebrato davanti alla chiesa ( in Scozia, nel medioevo, ci si sposava davanti e non all'interno della chiesa), in presenza di un prete, e nel caso di matrimoni "clandestini", come sopra citato, i preti cercavano di convincere i neo sposi a risposarsi una seconda volta con una cerimonia nuziale tradizionale.

Quando ci si sposava nella Scozia medievale, era per la vita... non esisteva nè il divorzio, nè seconde nozze, fino alla riforma scozzese del 1560.
Prima di questa data, marito e moglie potevano smettere di vivere insieme, insomma separarsi, ma non divorziare. Il matrimonio, comunque, poteva essere annullato per diversi motivi... sposi di età troppo giovane... la ragazza con meno di 12 anni, il ragazzo meno di 14, oppure strettamente imparentati, o ancora, che uno dei due risultasse essere già sposato... ecc.

Come dicevo sopra, non si conosce il periodo esatto in cui venne introdotto nell'handfasting, l'usanza di legare le mani dei fidanzatini con un nastro annodato dolcemente, il quale rappresentava allegoricamente l’unione e l’impegno reciproco dei due. Usanza poi ripetuta un anno ed un giorno più tardi durante le nozze ( se avevano deciso di sposarsi), ma questa volta con un nodo più stretto, che stava ad indicare l'unione per la vita.


Fino a tutto il 1600 l'Handfasting fu riconosciuto sia dalla Chiesa che dalle Stato, poi successivamente solo dallo Stato, fino al 1940. Ora, dal 2004, il matrimonio Handfasting, viene considerato un rito civile a tutti gli effetti (riconosciuto dallo Stato).

12 commenti:

Raffaella 4 febbraio 2011 22:41  

Avevo già seguito il tuo primo post su questo argomento e... lo trovo davvero romantico... un rito simbolico di fascino e significato! Buon fine settimana!

Mirta - Luce nel cuore 5 febbraio 2011 01:02  

Il gesto de legare le mani è molto romanti ma ha un simbolismo che sottolinea l'importanza del fidanzamento e poi del matrimonio, che significa amore per tutta la vita!!! Buon fine settimana!

chiara moltoni 5 febbraio 2011 11:10  

Bellissimo...
Bacioni

Sandra 5 febbraio 2011 11:15  

Questo del legare le mani ha un fascino enorme.
Bellissimi i primi due sisegni e la foto in fondo al post!!!

Alberto Parma 5 febbraio 2011 14:25  

Nonostante siamo divisi per motivi religiosi, i scozzesi sanno anche essere uniti nei momenti importanti. Questa foto lo dimostra

Mr. Tambourine 5 febbraio 2011 18:14  

Ma è una variante del fisting?
;)

Ambra dB 5 febbraio 2011 22:16  

Un rituale bellissimo ed una usanza(quella di legare le mani) piena di poesia.
Bello anche che oggi venga riconosciuto ed accettato come rito civile.

Chiara 5 febbraio 2011 23:09  

Interessante anche la seconda parte! Mi piace conoscere le tradizioni di altri popoli.
Questa usanza mi ha fatto ricordare il matrimonio nel diritto romano (anche se in comune c'è ben poco!)

Buona domenica!!

Sciarada 6 febbraio 2011 12:20  

Ciao Mariabei, trovo straordinario che due persone che si amano intreccino le loro mani come le loro vite al cospetto della natura,testimone suprema di questo grande atto d'amore!
Buona domenica!

Vittoria A. 6 febbraio 2011 21:05  

Anche io avevo gia' letto la prima parte e ora devo dire che sono rimasta ancora piu' colpita! :)
Un abbraccio

Luigi 14 febbraio 2011 18:13  

ti auguro un cuore eternamente innamorato Mari!!!
Un abbraccio

Luigi 22 febbraio 2011 15:51  

bentornata Mari: cominciavo a sentire la tua mancanza!!!

Il Tempo ora ad Edimburgo...

  © Blogger templates Palm by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP